Non categorizzato

Notizie per gli iscritti

Il nostro Ordine, quale PROVIDER ECM, deve formulare il Piano Formativo 2022.

Per questo riteniamo fondamentale raccogliere da tutti gli iscritti indicazioni e proposte che possano trovare risposta nel lavoro di formulazione e calendarizzazione degli eventi ECM.

Vi invitiamo a compilare il modulo sottostante che permetterà una maggiore efficienza organizzativa e una programmazione che tenga conto delle Vostre esigenze.

Notizie per gli iscritti

Effettuando l'accesso all'Area riservata del sito dell'Ordine con le identità digitali SPID o CIE, potrai pubblicare e consultare numerosi annunci.

Le offerte si dividono in 4 diverse categorie:

  1. Affitti e vendite - di studi professionali o attrezzature
  2. Collaborazioni/Opportunità di lavoro - per medici, odontoiatri ma anche ASO, infermieri e personale di segreteria
  3. Concorsi di altri Enti - in cui Enti terzi possono pubblicare bandi o avvisi interessanti per gli iscritti all'Ordine
  4. Sostituzioni - di Medici di Medicina Generale, Pediatri di Libera Scelta e Odontoiatri

Gli annunci possono ricercare o offrire opportunità.

Una volta caricata l'offerta, questa sarà vagliata dal personale dell'Ordine che provvederà a pubblicarla. L'utente avrà sempre il controllo di quanto inserito e potrà verificare lo stato dell' annuncio dall' area personale.

Il servizio è rivolto a tutti i cittadini maggiorenni in possesso di identità digitale.

Consulta la bacheca annunci (senza SPID) e pubblica un annuncio (previo accesso con SPID)

Notizie per gli iscritti

A causa di lavori di manutenzione, il servizio di bacheca online non sarà disponibile per qualche giorno.

Ci scusiamo per il disagio.

Notizie per gli iscritti

L'Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Monza mette a disposizione di tutti i cittadini l'elenco delle Società tra professionisti (STP) iscritte al proprio Albo.

pdf  Consulta l'Albo delle STP regolarmente aggiornato (92 KB)

Notizie per gli iscritti

I sanitari con titolo di studi conseguito in Paesi UE o extra UE che intendono lavorare in Italia devono presentare domanda di riconoscimento del titolo al Ministero (vai al sito) e potranno iscriversi soltanto con Decreto ministeriale di riconoscimento. Dal sito del Ministero si potrà accedere a:


Mobilità internazionale degli operatori sanitari
La mobilità dei professionisti in ambito europeo è prevista dalla direttiva comunitaria 2005/36/CE

Titoli ammessi al riconoscimento
Coloro che hanno conseguito all'estero un titolo professionale dell'area sanitaria ed intendono esercitare la professione in Italia, devono ottenere dal Ministero della Salute il riconoscimento del titolo. Di seguito si fornisce l'elenco delle professioni sanitarie e arti ausiliare per le quali si può presentare istanza di riconoscimento presso il Ministero della salute italiano

Titoli conseguiti in Italia
Coloro che, in possesso di un titolo italiano, desiderano esercitare la professione sanitaria all'estero, devono rivolgersi direttamente all'autorità competente del Paese dove intendono lavorare. Qualora fosse richiesto, il Ministero della salute italiano rilascia un "attestato di conformità e del good professional standing"

Titoli conseguiti in Paesi UE
La procedura di riconoscimento in Italia di un titolo straniero, acquisito in un Paese dell'Unione Europea, è diversa se il titolo appartiene a cittadini dell'Unione Europea o a cittadini NON comunitari

Titoli conseguiti in Paesi non UE
La procedura di riconoscimento di titoli conseguiti in Paesi non comunitari si applica anche quando il titolo è stato già riconosciuto in un altro Paese dell'Unione Europea, pur tenendo in considerazione le eventuali integrazioni di formazione e di attività professionale acquisite

Riconoscimento servizio all'estero
Il Ministero della salute rilascia l'attestato di conformità per il riconoscimento del servizio prestato all'estero

Equiparazione del titolo di Aiutante di Sanità al titolo di Infermiere Generico
La procedura per richiedere l'equiparazione del Diploma di Aiutante di Sanità al titolo di Infermiere generico (Decreto del Ministro della Difesa del 12 dicembre 1990)

Tessera professionale europea - EPC
La tessera professionale europea è una procedura elettronica da utilizzare per ottenere il riconoscimento delle qualifiche professionali all'estero, in un altro paese dell'UE

Autorizzazione temporanea attività clinica medica
La procedura per richiedere l'autorizzazione temporanea allo svolgimento di attività clinica di medico chirurgo nell'ambito di iniziative di formazione o di aggiornamento presso aziende ospedaliere, aziende ospedaliere universitarie e istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) ai sensi dell' art. 39-ter del d.lgs. 286/1998 da parte di cittadini non comunitari in possesso della qualifica di medico acquisita in un Paese non comunitario

 

Notizie per gli iscritti

28 marzo 2019

A seguito dell'incontro presso la sede dell'Ordine del 6 marzo con i vertici dell'INAIL di Monza e a integrazione della precedente Comunicazione n. 1/19 del 10 gennaio 2019, si invia un utile prospetto circa le novità relative alle certificazioni INAIL

  1. Dal 1.01.2019 i medici ospedalieri, i medici di medicina generale e i medici del Servizio di continuità assistenziale sono obbligati alla redazione ed al rilascio dei certificati INAIL.
  2. La normativa prevede che tale rilascio non comporti costi a carico del paziente.
  3. Il certificato (primo, continuativo o definitivo) deve essere inviato in via telematica (residualmente, e sino a diverse disposizioni, in caso di non funzionamento delle procedure INAIL, il certificato può essere inviato tramite PEC all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
  4. Chi ancora non avesse ottenuto le credenziali di accesso al portale trova in allegato specifica modulistica. Il modulo può essere inviato tramite e-mail unitamente alla copia della carta d’identità a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
  5. Le prestazioni di diagnosi e cura (rimozione gesso e punti di sutura, medicazioni, visita del paziente con ortesi e/o ausili …), si rammenta, resteranno comunque, come sino a ora, a carico dei medici e delle strutture sanitarie competenti del SSN.
  6. L’eventuale prescrizione di protesi e ortesi è invece a carico dell’INAIL.

Tali indicazioni derivano dal combinato disposto delle seguenti fonti:

  • Codice di Deontologia medica 2014 art. 24.
  • TU 1124/65 agli articoli 53 e 94.
  • DLgs. 151 del 14.9.2015 che ha modificato l’articolo 53 del TU 1124/65 e ha introdotto sanzioni (ammenda) per l’omessa certificazione.
  • DPCM 21.1.17 art. 3 capo 4 lettera m (LEA).
  • Definitiva conferma è venuta dai commi 526-530 dell’articolo unico della legge di stabilità 2019 (GU Serie Generale n. 302 del 31-12-2018 - Suppl. Ordinario n. 62).
  • La norma dispone, per il rilascio del certificato medico di infortunio o di malattia professionale, il trasferimento al Fondo Sanitario Nazionale, da parte dell'INAIL, di un importo destinato al riconoscimento economico ai medici e alle strutture sanitarie competenti del SSN e nel contempo vieta la richiesta di compenso all'assistito.

Documento da scaricare:
  pdf modulo richiesta credenziali (282 KB)