Comunicazione OMCeO MB n. 17/16: COMUNICAZIONE DEL PRESIDENTE OMCEO MB IN MERITO ALLA SEGUENTE NOTIZIA STAMPA SU INADEMPIENZE CERTIFICATIVE - LETTERA APERTA

Data di creazione: 
26 Ott 2016

" SANITA' LOMBARDIA: FIMMG, REGIONE INTERVENGA SU DISAGI CERTIFICATI MALATTIA = Sempre più segnalazioni da pazienti costretti a bussare a medico famiglia, urge presa di posizione Milano, 25 ott. (AdnKronos Salute) - "Certificati di malattia in ospedale e pazienti sballottati da uno studio all'altro: urge una presa di posizione della Regione Lombardia". A chiederla è Fiorenzo Corti, segretario regionale della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) Lombardia, che in una nota denuncia le "sempre più numerose segnalazioni di pazienti costretti a recarsi dal proprio medico di famiglia solo per il certificato di malattia, perché l'ospedale si rifiuta di farlo". Oggi, racconta Corti, "abbiamo toccato il fondo: una paziente è stata visitata nel pronto soccorso dell'ospedale San Gerardo di Monza, è stata sottoposta ad accertamenti e le è stata prescritta una terapia. Quando però ha chiesto se era possibile avere un certificato di malattia, visto tra l'altro che il suo medico è di Milano e non se la sentiva di tornare in città per il solo certificato, le è stato risposto lapidariamente più o meno così: 'Cerchi il numero di telefono di qualche medico di famiglia qui intorno e veda di farsi fare da lui il certificato, noi queste cose non le facciamo e non sono di nostra competenza'. Ho visitato la paziente, che si è rivolta al mio studio, le ho fatto il certificato e l'ho trasmesso all'Inps". Ma, conclude Corti, "a questo punto penso che le autorità regionali debbano intervenire una volta per tutte: il semplice invio telematico da parte delle strutture ospedaliere eliminerebbe i disagi a cui vengono sottoposti centinaia di cittadini quotidianamente in Lombardia. Non si tratta di sola buona educazione, è una questione di civiltà"."

Data ultima modifica: 
26 Ott 2016